Rappresentazione digitale e virtuale

Dopo la consueta introduzione alla tematica della serata, il preside Giancarlo Carnevale cede la parola a Carmen Andriani, la quale spiega che in un mondo moderno e in costante evoluzione è necessario stare al passo con i tempi. Lo studio Andriani è passato alla tecnica del disegno digitale agli inizi degli anni Novanta, attraversando una fase di transizione in cui era molto difficile abbandonare i vecchi metodi per produrre tavole digitali “plottate” in cui ancora si avvertiva la necessità di intervenire con disegni e campiture di colore a mano libera, per esorcizzarne la freddezza. La concezione del progetto è tuttora affidata a schizzi che consentono la massima libertà e rapidità di sviluppo. L’elaborazione digitale subentra nella stesura finale quando il progetto è abbastanza maturo e lo si approfondisce anche con una ricca produzione di modelli.
Prende la parola Ricardo Flores, dello studio catalano Flores & Prats, del quale illustra le modalità di progetto. Si sofferma sull’immagine di un dettaglio del progetto (dalle connotazioni fortemente plastiche) di riconversione di un ex mulino in museo e spiega che disegnare a mano e saper controllare la geometria è essenziale, il che consente anche di andare in cantiere con squadra e compasso e riuscire a controllare la congruenza tra le forme prodotte dagli operai e quelle disegnate in studio.

Annunci

~ di fAR workshop su luglio 14, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: